Cefal Disco, ergo cresco

Ultimo Aggiornamento: 27/11/2018

A gonfie vele nella vita e nel lavoro

Vela Maestra nella vita e ancor più nel lavoro. Perché cazzare la randa insieme, pronunciare Signorsì, salire in coffa sfidandosi o impugnare una ramazza per pulire le cabine e i ponti insegna, agli under 18, il lavoro in team, il rispetto dell’altro (e di se stessi), l’assunzione di responsabilità e la capacità di svolgere i compiti affidati. Insomma dà coraggio e insegna a vincere le sfide a cui la vita, prima, e il lavoro, poi, sottopongono.

I ragazzi del CEFAL a bordo del brigantino della Marina Militare il brigantino militare della Fondazione Tender To Nave Italia Onlus

I ragazzi del CEFAL a bordo del brigantino della Marina Militare il brigantino militare della Fondazione Tender To Nave Italia Onlus

Assumersi responsabilità in mezzo al mare fa il paio con il valore della collaborazione, dell’essere precisi e dell’imparare ad organizzarsi, magari aiutandosi in modo reciproco: competenze che il mare insegna e che il lavoro richiede.

Saper fare, ma anche saper essere. E’ racchiuso qui il valore assoluto di Vela Maestra, un’esperienza unica che il CEFAL ha innestato sull’albero maestro dei suoi corsi professionalizzanti. Dando piena dignità alla materia ‘vela’ nel normale curriculum.

Ecco perché gli alunni al CEFAL vengono sottoposti ad un intenso training teorico-pratico su venti-nodi-comportamenti in mare che dura quasi un anno. Divenuti marinai di terra, l’esame finale: imbarcarsi. Due le opportunità attivate dal CEFAL per fare andare per mare i ragazzi: le imbarcazioni e gli skipper messi a disposizione da BluSea, in partnership con il Rimini Yacht Club Vela Viva e il brigantino militare della Fondazione Tender To Nave Italia Onlus (Yacht Club Italiano e Marina Militare).

La fase di preparazione e quella di uscita in mare, per il CEFAL, costituiscono quindi un momento formativo. E’ una vera esperienza: farli salire in barca, percorrendo una passerella stretta e poi ‘staccarsi’ dalla terra ferma, per loro è una sfida, un momento di crescita importante che contribuisce a rafforzarne la personalità.

Vela Maestra affonda qui la sua ancora: con le regole della marineria, le leggi del mare si educa alla chiarezza dei compiti, alla condivisione della fatica e all’idea che il risultato è frutto del lavoro collettivo e non della somma di azioni individuali. In mare, si vivono situazioni quotidiane e lavorative che Vela Maestra insegna a sbrogliare.