Cefal Disco, ergo cresco

Ultimo Aggiornamento: 05/03/2019

A le Torri, il velista Zambelli

Continua la navigazione in mare aperto de le Torri, il primo ristorante formativo di Italia aperto dal CEFAL in via della Liberazione 6 a Bologna. A tracciare la rotta l’associazione di nocchieri Pontos. Cambusieri d’eccezione, gli allievi chef e di sala della Scuola di ristorazione del CEFAL.

Secondo appuntamento, al ristorante le Torri, della rassegna velica “Metti una sera in pozzetto …” organizzata dall’associazione Pontos di Bologna. A tenere il timone, venerdì 21 Febbraio 2014, Michele Zambelli, reduce dalla traversata dell’Atlantico in solitario su una barca a vela di 6,50 mt. e 10° classificato nella regata oceanica “Minitransat”. A pianficare la rotta, Stefano Malagoli, istruttore di vela a tempo pieno da quasi trent’anni, velaio, direttore di scuole di vela, coordinatore di flotte e ha navigato in quasi tutto il Mediterraneo, nel Nord Europa e ai Tropici. 1LocandinaZambelli

Classe 1990, Michele Zambelli, forlivese, è il più giovane skipper italiano nella classe Mini Proto che ha partecipato alla regata Mini Transat650 edizione 2013. Scopre giovanissimo il suo amore per il mare che approfondisce con regate in diverse classi (Melges 24, Beneteau 25) e come istruttore presso la scuola di Franco Ricci in Sardegna. A 17 anni collabora con Cino Ricci per il Giro d’Italia a Vela, occupandosi della manutenzione delle imbarcazioni. Nel 2009, su un’imbarcazione appoggio, segue la regata Mini Transat650.

Arrivato al centro dell’Atlantico, nella zona di convergenza sopra l’equatore (un luogo meteorologicamente molto particolare chiamato Pot ou noir), sente di volerci tornare da solo. Rientrato in Italia, gli viene affidata dal riminese Alessandro Zamagna la barca con cui lui stesso ha affrontato la regata atlantica dieci anni prima, e Michele il giorno dopo la maturità, nel luglio del 2010, parte per la qualifica delle 1000 miglia in solitario, lasciando il porto di Rimini per arrivare a Genova in 13 giorni di navigazione no stop.

Dopo un anno di regate e di navigazioni solitarie per conoscere la barca arrivano i primi risultati, tali da fargli conquistare il titolo di Campione Italiano Classe Mini650 nel 2011 e nel 2012. A ottobre 2013 Fontanot – così è stata ribattezzata la barca – é a Duarnenez per la partenza della Minitransat, la più solitaria delle regate oceaniche, e con lei il suo skipper, il più giovane di tutta la flotta. Sono 84 i partecipanti e 4.200 le miglia da percorrere. La partenza viene rinviata a più riprese per le avverse condizioni meteomarine, ma poi prende il via e conduce Michele a Point a Pitre (Guadalupe) dopo 24 giorni. 20 ore 10 minuti e 05 secondi, regalando a Michele un decimo posto, che merita di essere considerato una vittoria.