Cefal Disco, ergo cresco

Ultimo Aggiornamento: 10/07/2018

Newsletter n. 2 progetto Erasmus+ Pédagogie de Chantier

 

 

 

Questo progetto è realizzato con il contributo del programma Erasmus+ della Commissione EuropeaNuova immagine (1)

 

 

 

 

Troverete di seguito lo stato di avanzamento del progetto Erasmus+ Pédagogie de Chantier.

 

Questo progetto intende sviluppare in Belgio, Francia, Italia, Slovacchia e Grecia metodi operativi di pedagogia di cantiere e di pedagogia di progetto rivolti a formatori, decisori, strutture e organismi che attuano dispositivi per i giovani dai 16 ai 24 anni in situazione di dispersione scolastica e formativa, di esclusione economica e sociale e/o di vulnerabilità sul mercato del lavoro.

Il sito del nostro progetto è on-line da poco al seguente indirizzo : www.pedachantier.eu

 

Su questo sito troverete la presentazione del progetto e dei partner, il calendario delle azioni e lo stato di avanzamento del progetto. Il sito è disponibile in tutte le lingue del progetto ossia francese, italiano, slovacco, greco e in inglese. Non esitate a comunicarci le vostre osservazioni e suggerimenti per migliorare il sito né a mandarci i documenti che vorreste vedere pubblicati.

 

Stato di avanzamento del progetto

 

I partner del progetto hanno realizzato un “sopralluogo” delle cause di dispersione, identificato i gruppi a rischio, censito i dispositivi esistenti nell’ambito della lotta all’abbandono scolastico, rispetto alla situazione del proprio paese (censimento di elementi riguardo i contesti legislativi, istituzionali, organizzativi e pedagogici a livello nazionale, regionale e locale).

 

In seguito a questo lavoro di ricerca i partner hanno lavorato su un inventario di strumenti, pratiche e formazioni “inserenti” esistenti nei rispettivi paesi in favore dei giovani dai 16 ai 24 anni in situazione di dispersione scolastica e/o formativa e di vulnerabilità sul mercato del lavoro.

 

L’insieme delle informazioni censite sarà utilizzato come base per la creazione del modulo di formazione « Formare i professionisti alla pedagogia di cantiere” e consentirà la definizione delle condizioni all’interno delle quali vengono accolte le sperimentazioni (contesto socio-economico di ogni territorio, caratteristiche del gruppo che ci interessa…)

 

Una prossima newsletter sarà dedicata ai primi risultati di questo modulo di formazione dei professionisti.

 

Nuova immagine (4)

 

Secondo incontro transnazionale – 28 & 29 aprile 2015 a Clermont-Ferrand

 

L’incontro organizzato da Études & Chantier Espace Central ha permesso di operare un confronto tra i partner a proposito del management, della strategia di disseminazione, della finalizzazione dei documenti da realizzare, e di preparare il modulo di formazione « Formare i professionisti alla pedagogia di cantiere » che sarà discusso durante il prossimo incontro transnazionale che si terrà a Bologna nei giorni 16 e 17 settembre 2015.

 

Nuova immagine (3) L’incontro di Clermont Ferrand ci ha permesso di visitare due cantieri realizzati da Études & Chantier Espace Central (ECEC) e quindi di comprendere meglio i metodi e gli strumenti pedagogici di accompagnamento, di formazione e di inserimento socio-professionale sviluppati nell’ambito della « Pédagogie de Chantier ». È stata anche occasione di scambio tra formatori e beneficiari a proposito delle iniziative realizzate dai partner del progetto da una parte, rispetto all’inserimento sociale e professionale delle persone in situazione di dispersione, e dall’altra sullo sviluppo del territorio attraverso la valorizzazione del patrimonio.

 

Una tavola rotonda ha consentito di riunire tutti i partner transnazionali, alcuni rappresentanti delle istituzioni scolastiche pubbliche, il personale di ECEC, il Servizio del Rettorato di contrasto alla dispersione, la Fondazione del Patrimonio, per avviare un dibattito a proposito della pedagogia di cantiere e della dispersione. Sono emersi i seguenti punti:

 

1) l’importanza del partenariato permette di attuare reali percorsi di formazione di qualità.

Nuova immagine (2)

 

2) La motivazione dei ragazzi e come creare le condizioni per suscitare e alimentare questa motivazione (ex : realizzazione di un progetto, lavoro di équipe, incentivi finanziari), accompagnamento individualizzato e /o collettivo per lo sviluppo del progetto personale.

 

A tal proposito si rimanda all’articolo « La Montagne » : Redonner aux jeunes le goût d’apprendre (di seguito il link per leggere l’articolo).

 

L’idea di base dei cantieri visitati (un forno comunale per il pane e un lavatoio) è la valorizzazione del patrimonio come vettore di sviluppo del territorio e fonte di posti di lavoro locali. Gli obbiettivi della « pédagogie de chantier » sono :

 

  • l’aggancio dei giovani e del pubblico in situazione di dispersione per costruire il loro rapporto con il territorio di appartenenza e farli diventare veri e propri attori di quest’ultimo;
  • la creazione di strumenti e metodi di validazione delle competenze formali e informali.

 

I partner del progetto, così come i lettori di questa newsletter, sono invitati a segnalare a CEC ogni tipo di informazione che giudichino utile per il miglioramento delle future newsletter del progetto.

 

Questo progetto è realizzato con il contributo del programma Erasmus+ della Commissione Europea