Cefal Disco, ergo cresco

Ultimo Aggiornamento: 27/11/2018

Relazioni Internazionali

CEFAL, sin dal 1994, ha sviluppato una lunga esperienza nella progettazione e gestione di programmi di cooperazione con altri Paesi Membri dell’Unione Europea, Paesi dei Balcani, dell’Est Europa e del Sud del Mediterraneo. Nel corso di queste attività ha consolidato relazioni con diversi soggetti istituzionali pubblici (autorità nazionali, regionali, locali, università, agenzie di sviluppo…) e con organizzazioni del privato sociale (associazioni, ONG…) in diversi Paesi sia dell’Unione Europea (quali Francia, Spagna, Romania, Polonia, Slovacchia, Danimarca, Belgio, Svezia, Germania, Malta…) sia nelle aree in pre-adesione (in particolare Albania e Croazia) o di “vicinato” dell’Unione Europea, come il Marocco.

Le attività internazionali di CEFAL sono volte:

  • allo sviluppo congiunto di modelli, dispositivi o approcci innovativi;
  • allo scambio di buone prassi / innovazioni / esperienze tra contesti territoriali.

nell’area della formazione (di tutti i livelli, da quella “di base” rivolta ai giovani o agli adulti a quella di alta specializzazione), dell’inclusione sociale e dello sviluppo locale in senso ampio.

In questo senso, le attività internazionali di CEFAL si collocano in integrazione con le attività “locali”, per rafforzarle e arricchirle con nuove metodologie, servizi o strumenti.
Le tipologie di progetti internazionali cui CEFAL ha partecipato e in cui continua ad operare sono diverse e fanno riferimento a vari settori di intervento, dall’istruzione superiore, alla formazione professionale, all’occupazione e affari sociali, alla giustizia e tutela dei diritti fondamentali, al capacity and institution building, alla cooperarazione terrritoriale.

CEFAL è stato contraente di progetti TEMPUS (Direzione Generale per l’Istruzione e la Formazione – cooperazione nell’area dell’Istruzione Superiore) in Romania (1994-1997), in Albania (3 progetti, dal 1999 al 2003) e Marocco (2004-2007) ed ha coordinato un progetto biennale TEMPUS in Croazia di cui era capofila l’Università di Ferrara (2007-2009).

Oltre che attraverso lo strumento comunitario TEMPUS, CEFAL ha operato nell’ambito dell’alta formazione anche con il supporto di Fondazioni bancarie, quali la Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, e con risorse dell’Ambasciata Italiana (in Albania, nello specifico) per attività di institution building rivolte ai dirigenti e quadri dei ministeri albanesi.

Dal 1996 CEFAL è stato project leader di diversi progetti pilota “Leonardo” (cooperazione nell’area della formazione professionale) e “Occupazione” (cooperazione nell’area dell’occupazione e inclusione sociale) relativi alla personalizzazione e alla formazione aperta/a distanza e all’integrazione/ reintegrazione nel mercato del lavoro di persone svantaggiate.

Nel contesto del Lifelong Learning Programme – programma settoriale Leonardo da Vinci, CEFAL:

  • partecipa a scambi di professionisti della formazione organizzati da Scuola Centrale Formazione, associazione nazionale di enti di formazione di cui è membro;
  • realizza, attraverso le misure di mobilità previste dal programma, tirocini all’estero per giovani allievi dei corsi per l’assolvimento del diritto-dovere di istruzione e formazione;
  • gestisce un progetto multilaterale 2008-2010 per il Trasferimento di Innovazione (verso l’Emilia Romagna) nell’ambito della promozione dell’inclusione sociale di persone svantaggiate attraverso l’economia sociale nel settore ambientale (con particolare riferimento alla raccolta, trattamento e riciclaggio dei RAEE – rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche);
  • è partner di un progetto multilaterale 2009-2011 per il Trasferimento di innovazione sulle competenze degli operatori dell’accompagnamento socio-professionale finanziato dall’Agenzia nazionale francese per il programma Leonardo (a titolarità dell’associazione francese ETCHARRY FORMATION DEVELOPPEMENT) e di un progetto di Partenariato Multilaterale tematico sull’inclusione sociale di detenuti ed ex-detenuti con Francia e Slovacchia.

Diverse sono, inoltre, le idee progettuali sulle quali CEFAL sta lavorando per lo sviluppo di nuove azioni multilaterali nell’ambito delle soluzioni pedagogiche, dei partenariati pubblico – privati, dell’aumento dell’occupabilità, della coesione sociale e della promozione di opportunità occupazionali, anche in relazione all’economia sociale.

CEFAL ha partecipato a diversi progetti comunitari EQUAL (Direzione Generale Occupazione e Affari Sociali) in Emilia Romagna (“Trailer”, per contrastare il fenomeno della disoccupazione e promuovere lo sviluppo locale di aree con difficoltà strutturali; “Pegaso”, per l’inclusione sociale dei detenuti, “ET – Esperienze di transizione”, per la transizione al lavoro e l`integrazione sociale di giovani/adolescenti con deficit di opportunità socio-economiche e culturali) e Abruzzo (INTRA, per la transizione al lavoro di detenuti/ex-detenuti).

Attraverso l’azione di mainstreaming del programma EQUAL, CEFAL si è collegato alle reti tematiche nazionali e transnazionali che si occupano di inclusione sociale negli ambiti di specializzazione su cui ha la maggiore esperienza e con esse sta lavorando alla messa a fuoco di nuove proposte di lavoro, in raccordo con le Istituzioni di riferimento per il settore.

Nell’attuale periodo di programmazione 2007-2013, CEFAL ha continuato a operare con successo, con progetti finanziati dalla DG Istruzione e Formazione (in particolare in diverse iniziative del programma LLP – Lifelong Learning Programme nell’ambito delle azioni settoriali Grundtvig e Leonardo Da Vinci) e dai nuovi programmi del settore giustizia e in particolare, quali DAPHNE III e Prevenzione della Criminalità. Questo anche attraverso le reti associative cui partecipa, quali SCF, il Consorzio OPEN e l’associazione ORIUS.

Dal 2011 collabora a progetti di cooperazione territoriale, finanziati dal programma transfrontaliero IPA Adriatico.

Accanto ai fondi comunitari per il sostegno d’iniziative educative, di formazione professionale o d’inclusione sociale, CEFAL ha realizzato, come capofila, due progetti rivolti a italiani all’estero: uno finanziato dal Ministero del Lavoro per la formazione degli italiani residenti fuori dall’UE, l’altro finanziato dal Ministero della Gioventù per la realizzazione di scambi di arricchimento curriculare tra giovani italiani residenti in Italia e giovani italiani residenti all’estero.

Oltre ai più consolidati settori della formazione e occupazione, CEFAL sta progressivamente espandendo la propria attività internazionale anche in altri ambiti legati alla giustizia, ai diritti fondamentali e alle libertà personali, all’integrazione delle minoranze, ai fenomeni migratori e all’interculturalità. In questo senso, CEFAL ha partecipato al progetto AGIS Re.S.P.I.R.O. finanziato dalla Direzione Generale Giustizia Libertà e Sicurezza della Commissione Europea per promuovere, allargare e consolidare le reti, la cooperazione tra gli stati membri, ma anche regionale e locale, sul tema di interesse comune della prevenzione della criminalità attraverso l’inclusione lavorativa e sociale.

CEFAL sta inoltre approfondendo l’analisi delle opportunità di cooperazione “esterna” ovvero con i paesi extra UE e della mobilità delle risorse umane (migrazione circolare, integrazione cittadini dei Paesi terzi, cittadinanza europea, formazione nel paese di origine, assistenza al rientro, formazione degli italiani residenti all’estero, …). Dal 2009 è capofila di un progetto finanziato dal Ministero del Lavoro per la formazione degli italiani residenti in Messico.

CEFAL sta inoltre sviluppando e consolidando le relazioni con i paesi transfrontalieri (soprattutto Croazia, Slovenia e Bosnia) attraverso la promozione di iniziative di cooperazione territoriale e incontri di scambio e progettazione congiunta.