Cefal Disco, ergo cresco

Ultimo Aggiornamento: 15/07/2017

APPRENDISTATO

Il CEFAL è accreditato presso la Regione Emilia Romagna per la formazione in apprendistato. L’apprendistato è un contratto a contenuto formativo (definito per questo a causa mista) poiché prevede che l’impresa si impegni a fornire all’apprendista la formazione professionale all’interno del rapporto di lavoro. È disciplinato dal Decreto Legislativo 14 settembre 2011 n. 167 “Testo unico dell’apprendistato”, entrato in vigore il 25 ottobre 2011.

Il CEFAL mette in campo servizi relativamente a due tipologie:

  • Apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale
  • Apprendistato professionalizzante o di mestiere per il conseguimento di una qualifica professionale ai fini contrattuali attraverso una formazione sul lavoro e un apprendimento tecnico professionale

 

L’Apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale ha quali  destinatari i giovani tra 15 – 25 anni. La Regione Emilia Romagna suddivide questa forma di apprendistato in due sotto categorie: la prima copre l’arco che va dai 15 ai 18 anni; la seconda dai 18 ai 25 anni. L’obiettivo di questo istituto contrattuale, la cui durata  si aggira sui 3-4 anni, punta al conseguimento di una Qualifica e/o di un Diploma professionale anche per l’assolvimento dell’obbligo di istruzione.

Spetta poi alla Regione Emilia Romagna regolamentare e definire i profili formativi. Ciò avviene in coerenza con le Qualifiche – Diplomi previsti dal Dlgs 226/2005, previo accordo in Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le PP.AA e sentite le Parti sociali. La Regione fissa inoltre gli standard generali (durata, ecc.), mentre invece le modalità di erogazione della formazione aziendale è rinviata ai CCNL.

 

L’Apprendistato Professionalizzante o di mestiere è rivolto a persone di età compresa tra i 18 e i 29 anni, mentre bastano 17 anni per le persone già in possesso di una qualifica professionale. La Regione Emilia Romagna, sentite le parti sociali, mette a disposizione un’offerta formativa pubblica integrativa della formazione contrattuale finalizzata all’acquisizione di competenze di base (inclusa la sicurezza sul lavoro) o trasversali. Questi percorsi non superano le 40 ore annuali (sino a un massimo di 120 ore in tre anni) e si effettuano all’esterno dell’azienda.

Il nuovo istituto dell’apprendistato prevede che, per ogni assunzione, debba essere predisposto un Piano formativo individuale che definisce, per tutta la durata del contratto, il percorso formativo dell’apprendista.

La Regione Emilia-Romagna ha regolamentato i profili formativi per l’apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale con la Delibera n.775 del 11/06/2012 “Attuazione delle norme sull’apprendistato di cui al D.Lgs. 14 settembre 2011, n. 167, Testo unico dell’apprendistato, a norma dell’art. 1, c. 30, della L. n. 24/12/2007, n. 247”  e la Delibera n. 860 del 25/06/2012 “Presa d’atto della sottoscrizione dei protocolli d’intesa tra regione, università e parti sociali per la regolamentazione regionale dell’apprendistato di alta formazione e precisazioni in merito alla DGR n. 775/2012 di attuazione delle norme sull’apprendistato di cui al D.Lgs. n. 167/2011”.

Nella Delibera n. 775 la Regione ha poi stabilito che i profili formativi dell’apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale di cui all’art. 3 del D.Lgs. n.167/2011 corrispondono alle qualifiche professionali regionali conseguibili nel sistema di istruzione e formazione professionale già correlate con le figure nazionali.

Con la Delibera di GR n. 1410 del 1/10/12, la Regione Emilia-Romagna dà attuazione al Piano straordinario per l’occupazione dei giovani per la parte che riguarda le misure di incentivazione rivolte alle imprese per l’assunzione di giovani con contratto di apprendistato per il conseguimento della qualifica professionale o di un titolo di studio universitario come laurea, master o dottorato di ricerca.

La Regione offre incentivi economici alle aziende che nel corso del 2012 hanno assunto e/o assumeranno con contratto di apprendistato per la qualifica giovani dai 18 ai 25 anni sprovvisti di titolo di qualifica o di diploma,  o che assumono laureandi o laureati con il contratto di apprendistato di alta formazione e di ricerca.